Analizzando: Kingdom Hearts III

Era il lontano 2013 quando Kingdom Hearts III, dopo anni di rumors e smentite, venne annunciato ufficialmente durante la fiera di Los Angeles. Sono passati cinque lunghi anni, un’attesa eterna per tutti gli appassionati della saga, ma il momento è quasi giunto: il 29 gennaio 2019 potremo finalmente mettere le mani su questo titolo tanto atteso.

Kingdom Hearts è uno di quei titoli che faticano a catturare nuovi giocatori, soprattutto quando i giocatori in questione non sono più bambini. La componente Disney fa storcere il naso, molti infatti pensano che si tratti di un gioco per i più piccoli. Ma non bisogna farsi ingannare dalle apparenze: Kingdom Hearts è un titolo adatto a giocatori di tutte le età. Personalmente mi sono approcciata alla saga quando ero ancora una bambina, dunque il fattore nostalgia gioca un ruolo importante nel mio giudizio. Nonostante tutto vi posso assicurare che, se permettere a questo gioco di portarvi all’interno del suo mondo magico, non ve ne pentirete!

Il nostro collega Pier-Ciccio è sempre stato molto dubbioso a riguardo e, nonostante gli fosse stato consigliato da più persone nel corso degli anni, non si è mai deciso ad approcciarsi alla saga. L’occasione si è presentata durante la Milan Games Week. Sapete quali sono state le sue parole subito dopo aver finito il livello della demo?

Bello, bello, bello. Davvero, non me lo aspettatavo. Sono rimasto molto colpito, mi sono divertito davvero tanto! Penso proprio che dovrò recuperare questa saga

Attenzione!

Prima di decidere se vale o meno la pena dare un’occasione a questa saga, sappiate che i giochi da recuperare sono davvero tantissimi. Pubblicati su diverse piattaforme e per giunta tutti canonici! La ciligiena sulla torta? Ovviamente l’ordine cronologico degli eventi non ha nulla a che fare con l’ordine in cui sono stati pubblicati i diversi capitoli! Ecco una lista parziale di tutti i titoli che sono stati rilasciati nel corso degli anni:

Kingdom Hearts (Playstation 2, 2002)

Kingdom Hearts: Chain of Memories (Game Boy Advance, 2004 – Playstation 2, 2007)

Kingdom Hearts II (Playstation 2, 2005)

Kingdom Hearts Coded (Mobile game, 2008 – Nintendo DS, 2010)

Kingdom Hearts 358/2 Days (Nintendo DS, 2009)

Kingdom Hearts Birth by Sleep (PSP, 2010)

Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance (Nintendo 3DS, 2012)

Kingdom Hearts χ (Browser game, 2013)

Collection:

Kingdom Hearts HD 1.5 Remix (Playstation 3, 2013 – Playstation 4, 2017)

Kingdom Hearts HD 2.5 Remix (Playstation 3, 2014 – Playstation 4, 2017)

Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue (Playstation 4, 2017)

Per darvi un’idea di quanto sia complessa la trama di questa saga, date un’occhiata al video pubblicato da videogamedunkey. Questo youtuber è famoso per i suoi video comici sui videogiochi, spesso montati ad arte per aumentare al massimo l’ironia. Putroppo in questo caso non ha dovuto distorcere troppo la realtà!

Demo alla Milan Games Week

Kingdom Hearts III non era uno dei titoli che mi ero prefissata di provare. Tutti quegli anni passati ad aspettare avevano pian piano fatto scemare il mio interesse; l’idea di stare un’ora o più in coda per questo titolo non era affatto allettante. La giornata stava volgendo al termine e la coda per Days Gone era troppo lunga, quindi rassegnata ho cominciato a girare nell’area Sony in cerca di qualcosa da provare. L’area dedicata a Kingdom Hearts III era una delle più belle dell’intera fiera: molte postazioni, sedie comode e pochissima coda. Si tratta dell’unica demo per cui è stato possibile scegliere quale livello provare, con la possibilità di completarlo interamente senza alcun limite di tempo stretto. La mia scelta è ricaduta sul livello ambientato nel mondo di Toy Story

Il livello inizia all’interno della stanza di Andy. Non appena ho cominciato a giocare ho fatto un tuffo nel passato, sono tornata la bambina che giocava a Toy Story 2 sulla Playstation 1. È proprio questo a mio avviso uno dei punti forti della saga: riuscire a farci tornare bambini. Kingdom Hearts si riduce semplicemente ad una cosa: divertimento puro. Il gameplay è rimasto pressochè invariato rispetto a quello dei capitoli precedenti, ma questo non costituisce necessariamente un punto a sfavore. Il combat system è quello che ben ricordiamo, frenetico e dinamico, e gli spazi molto ampi permettono di approcciarsi al combattimento in svariati modi. Nota negativa per quanto riguarda i nemici invece, per la maggior parte infatti si trattava degli heartless classici presenti fin dal primo capitolo. Trattandosi di una demo non si può avere la certezza che questa sia la forma definitiva del livello, dunque possiamo sperare che nel prodotto finito ci sia una varietà maggiore. Basterebbe anche solo cambiare leggermente i modelli, adattandoli allo “stile” del mondo in cui ci si trova, per dare una sensazione di immersione ed armonia maggiori.

Per tutti gli interessati, ecco un video che mostra le due demo presentate in fiera:

In generale mi ritengo molto soddisfatta e le mie aspettative sono di conseguenza molto alte…Anche se con qualche riserva

PREVISIONE VOTO
8.5

Quel che spero di trovare

  • Un mondo di gioco ampio e vario
  • Una trama chiara e lineare
  • Un Paperino capace di curare quando serve

Quel che temo di trovare

  • Ulteriore complicazione della trama
  • Nessun elemento innovativo rispetto ai titoli precedenti
  • Gameplay ripetitivo